ARCAbaleno

Quaresima di carità 2020

 
                                               
La Quaresima è per tutti noi occasione per prepararci al grande evento della Pasqua con uno sguardo attento alle sofferenze di tanti fratelli e sorelle, come ci invita a fare papa Francesco: “Abbandoniamo l’egoismo, lo sguardo fisso su noi stessi, e rivolgiamoci alla Pasqua di Gesù; facciamoci prossimi dei fratelli e delle sorelle in difficoltà, condividendo con loro i nostri beni spirituali e materiali”.
I poveri devono tornare al centro delle nostre comunità non perché noi siamo bravi ma perché abbiamo bisogno di loro per imparare da loro e per lasciarsi interpellare dalle loro esigenze. I poveri li avrete sempre con voi... ma vanno riconosciuti, amati, accolti. Non delegati alla Caritas. I poveri devono tornare ad avere parola, spazio, non solo aiuti nelle nostre comunità!                                       
Indichiamo due linee orientative e un progetto:
  1. a) Pregare con il Vangelo. Siamo tutti impegnati a dare del tempo per leggere e meditare il Vangelo. La sorgente della fraternità è il Vangelo. È alla sua scuola che noi impariamo a credere e a costruire legami fraterni. Giorno per giorno. Nella fedeltà di un amore che si rinnova.
  2. b) Alimentare la fraternità. Dopo aver ascoltato il vangelo, vorremmo metterlo in pratica a partire dalle relazioni fra di noi nelle comunità cristiane. Costruiamo la comunità cristiana per rendere visibile il vangelo. Tutto quello che facciamo in parrocchia e in diocesi ha l’unico scopo di costruire la fraternità cristiana, di creare comunione. A cosa servono le unità pastorali, se non a stringere legami di fraternità nelle e fra le comunità cristiane? Una fraternità sempre nuova e rinnovata, che mette al centro la presenza del Signore Gesù e del suo Vangelo.
PROGETTO ARCA:
Il senso…                                                                                                                                            
L’Arca ha da sempre rappresentato la possibilità di salvezza: Noè ubbidendo a Dio, ha portato in salvo la sua famiglia e gli animali, diversi tra loro per specie e genere.
Anche la nostra ARCA vuole essere un’arca di salvezza: per ognuno di noi!
Tante persone, diverse tra loro nei loro vissuti e nelle loro storie passate e dell’oggi, entrano ad ARCA portando con sé le proprie fatiche ma anche le proprie speranze, incontrandosi, conoscendosi e creando relazioni. E sono proprio queste relazioni, che possiamo immaginare come un ponte, che ci rimandano all’Arcobaleno, inizio della nuova alleanza tra Dio e gli uomini. ARCA può quindi rappresentare per ognuno di noi, una nuova possibilità di salvezza che Dio ci offre, una proposta concreta di carità per creare relazioni e ponti.  
I colori dell’arcobaleno significano per noi  le lingue, le culture, e religioni e le razze delle persone che ‘abitano’ la nostra ARCA.

L’operatività…
l progetto Arca (Azioni di Ricerca di Cambiamento e Autonomia a favore di persone in situazione di grave marginalità) nasce concettualmente nel 2018, ma vede l’apertura della struttura nel 2019, in Corso Genova n°5 a Vigevano.
Il progetto è rivolto ad adulti italiani o stranieri, che siano o senza fissa dimora o in situazioni di rischio cronicizzazione o in situazioni conclamate di emarginazione, disagio sociale, anche legato a problemi di abuso di sostanze legali o illegali.
L’obiettivo è quello di ridurre il danno, accrescere l’inclusione e promuovere un cambiamento della qualità di vita delle persone agganciate.
La struttura è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 17.30.
Grazie ai numerosi partner ed un’equipe multidisciplinare sono attivi i seguenti interventi:
  • Spazio neutro di respiro dalla strada; Servizi Multimediali; Distribuzione di beni di prima necessità; Servizio di ascolto attivo; Servizio bagno e lavanderia; Azione di orientamento ai diritti, alle opportunità di accoglienza territoriali e al lavoro; Luogo di “emergenza freddo” diurno.                                                                                                                                         
Attraverso una presa in carico articolata e finalizzata al miglior recupero possibile dell’autosufficienza e alla promozione dell’autonomia, si realizzano misure per l’attivazione e l’accompagnamento a percorsi di reinserimento nel circuito lavorativo, con l’obiettivo trasversale di sviluppare l’empowerment personale e sociale.

PROPOSTA PER LE PARROCCHIE:  
  • E’ possibile vivere l’incontro con questa esperienza i martedi ore 14,00 - 17,30 e  i giovedi 9,30 – 11,30 previo appuntamento al seguente nr.di tel. 339 8276650 (Michela)
  •  Giovedi 2 aprile alle ore 18.00 “APERITIVOadARCA” occasione di fraternità con gli ospiti della struttura.
  •  Chiediamo di sostenere gli amici attraverso tre modalità di donazione o offerta:
  1. ‘KIT INTIMO’ (mutande maglietta e calze m/f)
  2. ‘KIT IGIENE’ (bagno schiuma, shampoo, deodorante, dentificio, schiuma da barba…)
  3. OFFERTA (bonifico c.c intestato a Diocesi-Caritas
IBAN IT33U0623023000000030609110; causale: quaresima di carità 2020. Oppure brevi manu presso: ufficio caritas - c/so Torino 36/b; economato - p.zza S. Ambrogio)
 
Il materiale può essere raccolto o direttamente in parrocchia oppure presso la sede della Caritas diocesana in C.so Torino 36/b a Vigevano.

Buon cammino
Don Moreno